La Balbuzie Spiegata
Personaggio orecchie vivavoce

Cos'è

L'Associazione Vivavoce è costituita dagli ex pazienti del Centro Medico Vivavoce ed è presieduta da Camillo Zottola. Nasce nel 2019 a Milano con lo scopo principale di creare una “cultura della voce” a partire dal tema della balbuzie e promuoverne la diffusione.

Attività

Sensibilizzare: sul tema della balbuzie. Promuovere: progetti di studio e ricerca scientifica per far comprendere i fenomeni della “voce” Sviluppare: Applicazioni e ambienti software a supporto dei percorsi di riabilitazione. Divulgare: le evidenze scientifiche del metodo

Dona

Donazioni

Sostieni l’Associazione Vivavoce e le sue iniziative per promuovere una cultura nuova sul tema della balbuzie e più in generale su tutti i disturbi legati alla “voce” e alla comunicazione. Per cosa utilizzeremo le donazioni? Per creare strumenti e per sostenere progetti di ricerca.

Non sei l' !

10 %
DI PERSONE NEL MONDO SOFFRONO DI BALBUZIE
50 %
DI PERSONE HANNO BALBETTATO NELLA LORO VITA

in !

10
DI PERSONE SOFFRE DI BALBUZIE
10
UNDER 18

MASCHI O FEMMINE?

In Età Prescolare
Maschi 50%
In Età Scolare
Maschi 80%

I progetti dell'Associazione Vivavoce

#LiberalaVoce. Anche TU.
Campagna video contro il Bullismo
Vedi Campagna
La balbuzie spiegata ai grandi
Uno strumento per aiutare i grandi a comprendere lo stato d’animo dei bambini e dei ragazzi che balbettano.
Scopri di più
Il Presidente dell’Associazione Vivavoce
Ciao sono Camillo, ero balbuziente e ora non lo sono più...
Scopri di più
Previous
Next

Associazione Vivavoce, cos’è?

L’Associazione Vivavoce è costituita dagli ex pazienti del Centro Medico Vivavoce ed è presieduta da Camillo Zottola; nasce nel 2019 a Milano con lo scopo principale di creare una “cultura della voce” a partire dal tema della balbuzie e promuoverne la diffusione. L’obiettivo è quello di sensibilizzare l’opinione pubblica ai disturbi del linguaggio e contrastare stereotipi e discriminazione esistenti nei confronti di chi soffre a causa di difficoltà nella comunicazione.

L’Associazione Vivavoce persegue finalità civiche, solidaristiche e sociali operando nell’ambito dei Disturbi del Linguaggio e dell’Apprendimento, della Psicologia e della Neuropsichiatria infantile.

Opera in sinergia con il Centro Medico Vivavoce di Milano, che eroga prestazioni mediche in tutti gli ambiti legati della “voce’’ ed è specializzato nel trattamento riabilitativo della balbuzie attraverso il metodo MRM-S (Muscarà Rehabilitation Method for Stuttering). Tale metodo è stato sviluppato da Giovanni Muscarà, ex balbuziente e fondatore del Centro, ed è oggi dimostrato scientificamente e al centro di un importante progetto di validazione scientifica realizzato dal centro studi guidato dal Professor Pasquale Anthony Della Rosa dell’Unità di Neuroradiologia Pediatrica dell’Ospedale San Raffaele di Milano.

Si tratta di un progetto ambizioso da realizzarsi grazie a una profonda condivisione sociale e culturale, in sinergia con il mondo della scuola, delle istituzioni e con le realtà scientifiche pubbliche e private, e con il mondo dell’informazione.

Attività della
Associazione Vivavoce

Sensibilizzare
Sul tema della balbuzie, problema ancora sottovalutato dal punto di vista sociale e culturale.

Promuovere
Progetti di studio e ricerca scientifica per far comprendere i fenomeni della “voce” (balbuzie, disturbi specifici del linguaggio e dell’apprendimento, difficoltà psico-emotive e altre problematiche relative alle abilità cognitive come il linguaggio, i processi di controllo della parola, l’attenzione, la memoria).

Ideare
Progetti culturali ed editoriali per sensibilizzare l’opinione pubblica e le istituzioni.

Sviluppare
Applicazioni e ambienti software a supporto dei percorsi di riabilitazione e della divulgazione scientifico-culturale.

Divulgare
Le evidenze scientifiche del metodo per il superamento della balbuzie MRM-S.

Donazioni

Sostieni l’Associazione Vivavoce e le sue iniziative per promuovere una cultura nuova sul tema della balbuzie e più in generale su tutti i disturbi legati alla “voce” e alla comunicazione.

Per cosa utilizzeremo le donazioni?

Per creare strumenti da mettere a disposizione di genitori, insegnanti, educatori e professionisti sanitari necessari a favorire una corretta consapevolezza su cosa è davvero la balbuzie. Capire permette di evitare etichette limitanti.

Per sostenere progetti di ricerca scientifica finalizzati a una sempre maggiore comprensione del fenomeno della balbuzie le cui cause ultime sono ancora oggi sconosciute.

IBAN: IT27 V030 6931 9541 0000 0065 427

Il Presidente dell’Associazione Vivavoce

Ciao sono Camillo, ero balbuziente e ora non lo sono più. Ho superato la balbuzie grazie a Giovanni, all’incontro con lui e con il Centro Vivavoce. È stato un caso, ma un giorno ho trovato un volantino e ho preso coraggio, anzi no, ho chiesto a mia mamma di chiamare e chiedere informazioni. Avevo paura.

Che cos’è per me la balbuzie? Pensa a una catena stretta attorno al collo. Lo so, è un’immagine forte, ma rende bene quello che sentivo. Mi vedo mentre cerco di parlare e qualcuno mi tira per la catena e mi trattiene. Ecco, pensa allora a quando questa catena viene spezzata e ti senti libero di dire e fare quello che senti dentro.

Quando ero bambino era tutto più difficile: dalle piccole situazioni quotidiane come parlare a tavola con i miei genitori o con un amico alle sfide più grandi. Era complicato parlare in classe, davanti a tutti i miei compagni. Oppure a un adulto che per strada mi chiedeva come stavo. Per non parlare delle interrogazioni! I compagni non erano teneri. Mi prendevano in giro, mi imitavano, mi facevano scherzi. Erano spietati.

Quando sono cresciuto i commenti c’erano sempre, ma erano velati. Magari evitavano di dirmelo in faccia, aspettavano che me ne andassi. Faceva male lo stesso, quando me ne accorgevo, ma potevo far finta di niente.
In generale, posso dire che la balbuzie per me non cambia. Cambiano le situazioni che devi fronteggiare.
Dopo essermi portato dietro il fardello della balbuzie per tutte le elementari, le medie e le superiori, volevo cominciare l’università in modo diverso. Risolvendo il mio problema. E allora era un grande problema per me.
Ho scoperto Vivavoce sette anni fa. E tutto è cambiato. Ho seguito il percorso: un lavoro costante e impegnativo con i professionisti del Centro e i tutor, ragazzi che avevano già superato il mio problema.

Ho sempre avuto una passione per la musica rap. L’ho ascoltata per tanti anni. Ben prima di fare il corso. Una volta risolto il mio problema legato alla parola, è come se mi fossi sentito più libero di esprimere anche tante cose che prima mi restavano dentro. Ho scritto qualche canzone e nel tempo libero mi piace coltivare la mia passione e pubblicare sul mio canale YouTube i pezzi.
Mi sono laureato, sono diventato medico e sto per iniziare la mia specializzazione in medicina di base. La balbuzie è solo un ricordo, ma sono diventato il Presidente dell’Associazione Vivavoce. Attraverso questo progetto vogliamo sensibilizzare le scuole, i ragazzi e i loro genitori sulla balbuzie. E promuovere dei laboratori per far capire anche a chi non conosce questa fatica, come ci si sente.

Ai bambini che ne soffrono direi di non sentirsi inferiori per come parlano. La balbuzie è una “cosa” che ci si trova addosso senza poterne spiegare il perché.

Alle mamme e ai papà raccomanderei di parlarne e di trovare la soluzione, senza girarci attorno, dando il giusto peso a questa fatica per non farla diventare sempre più grande.

La balbuzie spiegata ai grandi

Questo volume, primo di una serie di pubblicazioni dell’Associazione Vivavoce, vuole essere uno strumento per aiutare i grandi a comprendere lo stato d’animo dei bambini e dei ragazzi che balbettano. Capire permette di evitare etichette limitanti.